Home Notizie

03/04/2017

NOVITA' DAL MONDO DELLA LOGISTICA - ULTERIORI CHIARIMENTI SU UTILIZZO DEPOSITI IVA

NOVITA' DAL MONDO DELLA LOGISTICA - ULTERIORI CHIARIMENTI SU UTILIZZO DEPOSITI IVA

Seguito nostra precedente informativa, di seguito indichiamo i requisiti stabiliti dal Decreto del 23 febbraio scorso:
- presentazione della dichiarazione IVA nei tre periodi d'imposta che precedono l'operazione di estrazione dal Deposito;
- esecuzione dei versamenti IVA delle ultime tre dichiarazioni annuali presentate alla data dell'operazione di estrazione;
- assenza di avviso di rettifica o di accertamento definitivo per il quale non è stato eseguito il pagamento delle somme dovute, per violazioni relative all'emissione o all'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, notificati nel periodo d'imposta in corso ovvero nei tre antecedenti l'operazione di estrazione;
- assenza della formale conoscenza in ordine all’avvio di procedimenti penali ovvero di condanne o di applicazione della pena su richiesta delle parti a carico del legale rappresentante/titolare della ditta individuale, per uno dei delitti previsti dagli articoli 2, 3, 5, 8, 10, 10-ter, 10-quater e 11, D.Lgs. n. 74/2000, e dall'art. 216, R.D. n. 267/1942.
Per i soggetti di nuova costituzione i requisiti di carattere temporale devono sussistere in relazione ai periodi che sono intercorsi dopo la data di costituzione, se inferiori ai tre anni.
Qualora non sono soddisfatti tutti i requisiti, l’Iva è dovuta previa prestazione della garanzia:
- secondo le modalità stabilite dall’art. 38-bis,comma 5, del decreto IVA;
- per un importo pari all’IVA dovuta per la durata di sei mesi dalla data di estrazione.
Per quanto riguarda l'attestazione della garanzia, è lo stesso soggetto che procede con l’estrazione dei beni dal deposito che deve dichiarare la sussistenza dei requisiti di garanzia.
L’attestazione deve essere una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, conforme al modello approvato dall’Agenzia delle Entrate e deve essere consegnata al gestore del deposito al momento della prima estrazione e resta in vigore per tutto l'anno solare di presentazione.
I requisiti di garanzia elencati in precedenza ricorrono anche nel caso in cui sia soddisfatta una delle condizioni di seguito elencate:
- colui che estrae i beni dal deposito IVA coincide con il soggetto che si è occupato dell’immissione in libera pratica con introduzione dei beni all’interno del deposito IVA;
- il soggetto che estrae i beni dal deposito è autorizzato ai sensi dell'art. 38 e seguenti del regolamento (UE) n. 952/2013, ovvero è esonerato ex art. 90, D.P.R. n. 43/1973.

Scarica PDF